Bianco di Custoza DOC I Frari - Santi - 6 bottiglie

Il Bianco di Custoza è un vino innovativo. Secondo il disciplinare DOC, entrato in vigore nel 1971 e studiato in modo da incontrare il gusto moderno, il Bianco di Custoza nasce dall’unione armonica di varietà d’uve bianche delicatamente aromatiche, da sempre presenti sul territorio del Garda. Il termine “Frari” con cui Santi designa il suo Bianco di Custoza, vuole essere un omaggio alle figure dei monaci che durante i secoli bui del medioevo, nel silenzio dei loro monasteri, coltivavano la vite e producevano il vino, elemento fondamentale del rituale eucaristico. La vendita è vietata ai minori di 18 anni.

Vendemmia 2013
Cartone da 6 bottiglie

Maggiori dettagli

BIANCO DI CUSTOZA DOC - Vendemmia 2013
Provenienza: Veneto

Le uve: 40% garganega, 25%Trebbiano toscano, 20% cortese, 10% tocai, 5% riesling

Il vigneto: vigne particolarmente vocate nei territori comunali di Sona e di Castelnuovo Veronese, con esposizione a sud-ovest e ad un'altitudine di 100 metri dove il clima è fresco, ventilato e mitigato dall’influsso del lago di Garda. I vigneti sono allevati principalmente a guyot , su un suolo morenico-glaciale, con argilla e calcare misti a ghiaia. La resa per ettaro è di 120 quintali.

La vinificazione: la vendemmia avviene a fine settembre, con vendemmiatrice meccanica per consentire una raccolta tempestiva di uve sanissime e al giusto grado di maturazione. Dopo la pigiatura, il 30% dell’uva rimane a freddo in pressa per una macerazione pellicolare di circa 12 ore. Dopo decantazione statica, il mosto fermenta a basse temperature (12-16°C) con lieviti selezionati. Il vino rimane in acciaio, al freddo, sino a gennaio, a contatto con i propri lieviti e senza svolgere la fermentazione malolattica.

Il vino: colore giallo paglierino tenue; profumo ben pronunciato, intenso e fragrante, con dominanza floreale (glicine e pesco) e note di frutta tropicale bianca; sapore corrispondente, fresco ed armonico, molto sapido e con un delicato fondo di frutta matura che si sofferma a lungo in bocca. E’ un vino di immediata piacevolezza, da bere in ogni occasione e che può conservarsi a lungo, svelando intriganti note minerali.

  • Dati analitici: alcol 12 %; acidità totale 5,4 g/l; pH 3,2 ; zuccheri 3,7 g/l; estratto 18 g/l.
  • Conservazione ottimale: 2 anni in bottiglie coricate al fresco e al buio.
  • Abbinamenti gastronomici: antipasti, primi piatti delicati, pesce.
  • Temperatura di servizio: 12 - 14 °C.

 

CANTINE SANTI: L’ECCELLENZA VERONESE. La Casa Vinicola Santi fondata nel 1843 da Attilio Carlo Santi, iniziò la sua produzione dedicandosi ai classici Soave, Valpolicella, Recioto, Amarone e Bardolino ottenuti da uve raccolte in vigneti di proprietà nel cuore delle zone più vocate. La Santi, nel corso degli anni si è progressivamente trasformata. E’ stata la Santi ad inaugurare il “percorso qualità GIV” che ha interessato tutta la filiera produttiva, dal vigneto alle tecniche di vinificazione, dal pensiero enologico all’imbottigliamento. Tre sono le cantine di vinificazione: Tenuta Pule, San Pietro Incariano e Tenuta Preella, una di maturazione ed una di imbottigliamento, a Pedemonte, dotata delle più moderne tecnologie. Santi è oggi sinonimo di prodotti di grande prestigio, frutto delle capacità e dell’esperienza degli enologi, gelosi delle loro tradizioni ed al contempo rivolti al futuro.

  • Peso 10

30 altri articoli della stessa categoria